Una tesi su Ilpra Spa

Siamo lieti di comunicare che il giorno il 18 Ottobre 2016 il Dott. Gabriele Signorelli ha conseguito al prestigioso Politecnico di Torino la Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica con una tesi avente come oggetto uno studio sulla Ilpra Spa, dal titolo: Definizione di un configuratore di prodotto per la gestione delle commesse in Ilpra Spa

Sincere congratulazioni a Gabriele per l’importante traguardo raggiunto e un grazie per averci scelto!

 

Di seguito il link per il download della tesi di laurea del Dott. Gabriele Signorelli:

Definizione di un configuratore di prodotto per la gestione delle commesse in Ilpra Spa

 

NUOVA TERMOSALDATRICE FOODPACK 1440: UNA CONTINUA EVOLUZIONE

ILPRA prosegue il rinnovamento della gamma Foodpack serie 1400 con l’introduzione del nuovo modello 1440.

Si tratta di una termosaldatrice in linea completamente automatica adatta alle medie-elevate produzioni che completa e rinnova il precedente e già affermato modello 1401.  La nuova 1440 è la soluzione ideale per il confezionamento di vari prodotti: carne, pesce, pasta, piatti pronti, latticini..

Mantenendo gli stessi standard qualitativi di elevata tecnologia e componentistica, compattezza, facile sanitizzazione e manutenzione della 1401, la nuova 1440 si evolve e presenta un’area di saldatura ampliata che consente quindi maggiore versatilità di formati e tipologia di prodotto confezionabile, un software gestionale ancora più rapido e intuitivo.

Come tutti i modelli di questa serie anche la nuova termosaldatrice 1440 è progettata per integrarsi facilmente in una linea completa. Le principali movimentazione sono azionate meccanicamente per consentire minori costi di gestione, può lavorare sia in sola saldatura, sia in saldatura in atmosfera modificata (MAP), sia in saldatura in vuoto e in saldatura skin. La Foodpack 1440 è personalizzabile in base alle richieste della clientela attraverso vari optional subito disponibili.

La giusta miscela fra costante ricerca di innovazione e di pluriennale esperienza ILPRA nel packaging assicura anche per la nuova termosaldatrice 1440 precisione di lavoro, massima adattabilità a vari ambienti di lavoro e confezioni sempre impeccabili nel rispetto dei migliori standard qualitativi.

NASSARI, ACCIUGHE E ALICI MARINATE

Sono passati più di 100 anni da quando il nostro bisnonno, il signor Ramon Codina, ha iniziato la commercializzazione di prodotti di mare.

Quello che prima era un semplice  fornitore di pesce fresco per la popolazione della costa di Barcellona, divenne ben presto una solida struttura distributiva a livello nazionale.

Con grande impegno, ha trasmesso ai nostri nonni la sua passione, favorendo la nascita di NASSARI nel 1977, produttore e venditore di acciughe e alici marinate. 

Dall’inizio dei primi anni novanta, con l’obiettivo di migliorare il processo produttivo, è iniziata una stretta collaborazione con la società ILPRA SYSTEM SPAGNA che si è evoluta fino a oggi grazie ai costanti sviluppi tecnologici e alla fiducia instaurata tra le due aziende.

Il nostro continuo miglioramento e la volontà di garantire la massima qualità dei prodotti Nassari ci hanno aiutato ad ottenere la certificazione di qualità IFS (Food Standard International), un riconoscimento fra i più importanti nel settore alimentare a livello mondiale.

Con entusiasmo e rigorosità  nella selezione dei migliori ingredienti della costa mediterranea, siamo riusciti a preparare un prodotto artigianale che soddisfa i palati più esigenti di tutto il mondo. 

È il nostro modo di realizzare un alimento di antica tradizione per i nostri clienti.

CATAR: LA SPAGNA IN CUCINA

Nel 1985, animati da un forte spirito di innovazione, un gruppo di persone operanti nel campo “dell’ alta cucina” (applicata alle tecnologie di conservazione dei piatti pronti e delle basi per la corretta alimentazione), creano l’azienda CATAR.

Catar è la prima azienda spagnola che si dedica al settore della gastronomia seguendo le ricette originali provenienti da tutte le zone della Spagna.

Unendo alle conoscenze culinarie le tecniche di conservazione dei cibi e i principi di pastorizzazione nasce il “Centro di Alta Tecnologia Applicata alla Ristorazione”.

Catar da sempre si dedica alla produzione di salse e condimenti, all’elaborazione e confezionamento di piatti per buffet/menu per le più prestigiose catene alberghiere e ristorazione in Spagna.

Attualmente, infatti, numerosi hotel, resort e ristoranti affidano l’elaborazione dei propri menu a Catar, considerata azienda leader nel settore dei piatti pronti.

L’esperienza e conoscenze accumulate hanno permesso a Catar di rivolgere la propria offerta direttamente al consumatore finale e quindi alla grande distribuzione. È stata infatti ideata una linea per risotti, una di salse e sughi pronti  e una di piatti pronti al consumo nel formato monoporzione. 

Nascono quindi il marchio “La Buena Cocina” e la gamma di piatti “Marca Blanca” per la grande distribuzione, sia nazionale che regionale.

Attualmente Catar offre i propri prodotti anche nei paesi confinanti con la Spagna, con l’obiettivo per il futuro di poter entrare anche nel resto del mercato internazionale.

Gli impianti per il confezionamento degli alimenti utilizzati nello stabilimento produttivo, provengono dalla collaborazione con ILPRA SYSTEM SPAGNA che supporta Catar offrendo consulenza tecnica e macchinari di ultima generazione.

Il settore  ricerca e sviluppo  di Catar studia  la preparazione dei piatti pronti derivati da ricette di alta cucina arricchite dai sapori di  tendenza orientali, senza alterare i tempi di cottura, la sicurezza e le modalità di conservazione degli alimenti. 

In questo stesso dipartimento si lavora costantemente per ottenere una linea di cibi “senza glutine e allergeni” adatti per chi soffre di allergie e preparati  con ingredienti naturali, ricette di tradizione casalinga, equilibrate, sempre varie e appetitose.

 

COSTI E BENEFICI DELL' ATMOSFERA PROTETTIVA

Costi effettivi e durabilità dei prodotti.

Considerando gli aspetti  economici, la durabilità dei prodotti confezionati dovrebbe essere posta in relazione ai costi effettivi implicati dall’intero processo. In che modo è possibile sfruttare l’atmosfera protettiva come occasione di business? E, soprattutto, fino a che punto è vantaggioso aumentare la durabilità dei beni così confezionati? Il criterio di giudizio, naturalmente è multifattoriale: i costi dovrebbero coprire l’intero ciclo di vita del prodotto, dal suo sviluppo alla fase d’impiego da parte del consumatore finale.

Una scelta consapevole.

Nell’elaborazione di un’idea equilibrata del rapporto costi/benefici, è necessario tenere in considerazione numerosi fattori: il primo, e più ovvio, implica una valutazione dei fattori che determinano la vita dei prodotti confezionati in una miscela di gas. Conoscere tutti i risvolti della tecnologia dell’atmosfera protettiva è fondamentale per valutare il prodotto in tutte le fasi della filiera. A partire dal livello di durabilità iniziale, che dovrebbe essere valutato con la massima correttezza per rispondere con maggior facilità alle esigenze e ai requisiti specifici richiesti dalla confezione, assicurando al contempo un’ottimizzazione dei costi correlati allo sviluppo, alla produzione, all’immagazzinamento e alla vendita. In ogni caso, allungare la vita di scaffale di prodotto fa lievitare i costi relativi alla produzione e all’imballaggio, mentre si riducono le spese in fase di distribuzione e vendita. In sintesi, è necessario prendere in considerazione questi fattori: 

-Il costo d’una più lunga shelf life, che si genera durante le fasi di sviluppo del prodotto.

-Gli effetti economici, da calcolare sull’intero ciclo di vita dell’alimento.

-Il confronto tra i costi aggiuntivi e i benefici economici.

-Il confronto con soluzioni alternative, altrettanto adatte a prolungare la shelf life.

Durata, quality assessment e ricavi.

Offrire la massima (e più efficace) protezione all’alimento non è solo garanzia di una più  durevole qualità: soprattutto, garantirsi un vantaggio economico tangibile. In parte, il beneficio che deriva da una shelf life determinata con la massima precisione è connesso anche all’incertezza delle diciture, relative alla data di consumo, come il termine “best before”. Questo aspetto ha un’influenza diretta sul volume delle vendite e, di conseguenza, sul profilo dei ricavi.

CARNEVALE: 4000 PRODOTTI DI QUALITÀ

Carnevale è un’azienda a conduzione familiare che dal 1966 in UK produce mozzarella, ricotta, formaggi italiani, prodotti a base di carne e pasta fresca. 

L’attuale offerta di Carnevale vanta oltre 4.000 prodotti per ristoranti, pizzerie, hotel, gastronomie  e il commercio all’ingrosso in tutto il paese. 

La produzione di Carnevale viene effettuata in due stabilimenti accreditati BRC e sei depositi strategicamente situati in tutto il Regno Unito. Grazie a propri mezzi di trasporto  per le consegne  e un team dedicato di tele-venditori, Carnevale assicura un servizio efficiente e puntuale  per tutti i clienti.

Storia.

Nel 1966 due giovani fratelli, Carmine e Giovanni Carnevale, originari di un piccolo paese in Molise nel sud Italia, stabilirono nel centro di Londra la sede della propria attività e iniziarono la produzione e vendita di mozzarella e ricotta.

La popolarità del marchio Carnevale crebbe di pari passo con la notorietà del cibo italiano; da un piccolo produttore locale di mozzarella fresca a fornitore leader nazionale, fino ad essere attualmente produttore per la grande distribuzione di mozzarella, ricotta, pasta e prodotti freschi Italiani a base di carne. 

Nello stabilimento Carnevale si producono ancora a mano la pasta fresca e formaggi tipici italiani, gustosi salumi e salsicce di maiale; tutti realizzati seguendo le ricette tradizionali della famiglia che hanno resistito alla prova del tempo.

ILPRA UK e Carnevale.

Quasi tutti i macchinari  utilizzati da Carnevale sono di fabbricazione italiana, sia nello stabilimento di Londra che in Bedford, entrambi con certificazione BRC. 

Per Carnevale, ILPRA UK  è da anni fornitore ufficiale per macchine e vaschette per il confezionamento alimentare. Mr. Carnevale preferisce un unico referente per le proprie esigenze di confezionamento e ha trovato che ILPRA UK è in grado di offrire una risposta veloce e professionale a prezzi competitivi.  

Con ILPRA UK siamo riusciti negli anni a sviluppare soluzioni innovative e molto competitive che soddisfano le varie necessità dei clienti. Insieme abbiamo sviluppato un rapporto di lavoro estremamente positivo che ha contribuito a mantenerci in una posizione di alto livello tecnologico nel confezionamento 

dei nostri prodotti in un mercato

sempre in via di sviluppo.

CUORE GOURMET

La ricetta di Cucina Nostrana ha pochi e semplici ingredienti:

esperienza, passione e qualità. Dagli esordi come esclusivo negozio di gastronomia nel cuore della città di Mestre, a stabilimento di oltre 9000 mq in continua crescita a Maerne di Martellago, la sua professionalità vanta tre decenni di storia.

La passione per la bontà artigianale di un tempo caratterizza da sempre la tradizione d’eccellenza di Cucina Nostrana, una garanzia di qualità in grado di fare la differenza e consegnare all’azienda un portfolio clienti che annovera i nomi più importanti della Grande Distribuzione Organizzata e dell’ingrosso, oltre a numerosi piccoli dettaglianti specializzati.

Ogni giorno Cucina Nostrana è una realtà di riferimento per il Nord e il Centro Italia, con un processo produttivo, dalla selezione dei fornitori all’assistenza ai clienti finali, scrupolosamente sorvegliato dal Settore Qualità, istituito per assicurare il massimo controllo in ogni fase operativa attraverso il sistema HACCP. L’avanzata tecnologia dello stabilimento, l’assoluta igienicità delle aree operative e la professionalità del personale tecnico garantiscono la completa sicurezza e l’alta qualità dei prodotti finiti.

L’eccellenza di Cucina Nostrana è la capacità di offrire a tutti la bontà

delle specialità tipicamente artigianali trasportata su scala industriale.

I gustosi sapori e gli irresistibili profumi di una volta, quelli della tradizione più genuina, dell’arte culinaria più autentica, con Cucina Nostrana sono sempre pronti in tavola. Gli chef responsabili di questa magia preparano e confezionano ogni giorno, fin dalle prime ore del mattino, un’incredibile varietà di piatti, dai primi agli snack, per un menù completo che lascia solo l’imbarazzo della scelta.

La produzione dell’azienda conta quasi duecento diverse referenze, suddivise in tre linee principali. Il banco assistito, la linea di confezioni progettate per facilitare il lavoro degli operatori del settore e offrire al consumatore prodotti freschi e sfiziosi, con un ricco assortimento per tutti i gusti. La linea take away, con un’ampia scelta di piatti e ricette appetitosi pronti da consumare, ideali per chi è sempre di corsa e a casa vuole dedicarsi al meritato relax. Il libero servizio, la linea che incontra anche le esigenze più difficili, con un’ampia scelta di ottime salse, pane fragrante e tramezzini freschissimi, oltre ad alcune specialità della tradizione.

Per la preparazione dei suoi piatti Cucina Nostrana utilizza solo ed esclusivamente prodotti di qualità attentamente selezionata, con materie prime sottoposte quotidianamente a scrupolosi controlli, che garantiscono l’inconfondibile bontà della freschezza di ogni ricetta firmata Cucina Nostrana.

LA RICERCA E LO SVILUPPO PER LE AZIENDE ALIMENTARI

Perchè innovare.

Un nuovo prodotto è innovativo se è una soluzione, ovvero se è coerente con ciò che il consumatore cerca e se risponde a  precisi bisogni.

In un mondo in cui gli stili di vita e le esigenze dei consumatori cambiano rapidamente, GB Studio mette a disposizione dell’industria alimentare il know how e le tecnologie più avanzate per rispondere in modo efficace alle richieste sempre più esigenti del mercato.

Oggi, per creare valore, occorre concentrarsi su innovazioni che alimentino la costante crescita profittevole dell’azienda.

Come innovare.

- Conto economico del prodotto: le competenze del team dei nostri tecnici e la strumentazione all’avanguardia ci consentono di associare all’analisi di fattibilità un primo “conto economico” del prodotto, per stimare i margini potenzialmente sviluppabili, in base ai costi e al possibile prezzo di vendita. Questa attività viene svolta prima di realizzare il prodotto stesso oppure come verifica di un prodotto già esistente.

-Creazione di nuove ricette o ottimizzazione di formulati esistenti: simuliamo in laboratorio il processo industriale con impianti pilota e prototipi mirati. Disponiamo di un reparto specializzato dotato di macchinari pilota e tecnici altamente qualificati in grado di realizzare campioni che riproducano fedelmente i risultati che si ottengono da un processo produttivo industriale. Siamo anche in grado di fornire assistenza riguardo la possibilità di realizzare nuovi prodotti utilizzando le linee esistenti. Inoltre, possiamo calcolare, grazie a un innovativo software, i valori medi nutrizionali del prodotto da sviluppare una volta conosciute le materie prime da utilizzare nella formulazione.

-Studi di shelf life del prodotto, tecniche di conservazione innovative: verifichiamo in modo accelerato e tradizionale la shelf life dei prodotti attraverso analisi e prove di stress. Inoltre, siamo in grado di lavorare sull’equilibrio di formula del prodotto per garantire un periodo di conservazione maggiore e ridurne la decadenza organolettica e microbiologica.

-Assistenza durante lo start up della produzione: una volta creato il prodotto, assistiamo il cliente sulla linea produttiva  per la gestione dello start up della produzione, occupandoci anche della formazione del personale responsabile di produzione e di linea.

-Ottimizzazione dei processi produttivi: progettiamo i lay out e i flussi di produzione. Disponiamo di una sezione di engeenering in grado di progettare e realizzare impianti completi e garantiti dall’assistenza di tecnici e tecnologi alimentari, per l’ottimizzazione e la razionalizzazione dei processi produttivi. Gli impianti infatti, sono concepiti su misura per il prodotto, che rimane l’obiettivo primario della nostra consulenza.

Innovazione come motore della crescita.

Trasferiamo il know how che abbiamo sviluppato ai nostri clienti aiutandoli a realizzare prodotti di successo utilizzando tecnologie di produzione e confezionamento all’avanguardia. Tutto questo si traduce in prodotti di successo che vanno incontro alle reali esigenze dei consumatori.

ILPRA ci accompagna da molti anni e ci da assistenza per offrire un servizio sempre più completo ai nostri clienti. I macchinari per il confezionamento che ci ha fornito per le prove in laboratorio ci permettono di realizzare campioni esattamente come sulle linee di produzione:  i nostri clienti possono così “assaggiare” e verificare le proprie idee. Alcuni esempi di questo successo sono le spalmose della linea 0-24 di Salumifici Beretta, i condimenti freschi di Nostromo ed i flan 100% vegetali dell’azienda ‘I Felici’.

VETRINA DEL PROCESSING E DEL PACKAGING MADE IN ITALY

Ucima, l’associazione imprenditoriale che rappresenta i costruttori italiani di macchine automatiche per il confezionamento e l’imballaggio, ha siglato un rapporto di collaborazione con Fiere di Parma - Cibus Tec: l’accordo si concretizza nella realizzazione di una nuova sezione espositiva Food Pack, in calendario dal 28 al 31 ottobre 2014, dedicata al confezionamento alimentare e delle bevande. Nasce così un’importante fiera italiana  completamente dedicata al food processing e al packaging. Cibus Tec - Food Pack si candida pertanto a diventare già nel 2014 la manifestazione più importante al mondo per le tecnologie Made in Italy destinate al food&beverage. 

Tra le attività promozionali di Cibus Tec - Food Pack troviamo il format Market Outlook: attività di business matching in collaborazione con ICE nei principali mercati obiettivo con lo scopo di far incontrare le aziende con gli operatori finali. Sono stati organizzati due appuntamenti: il primo a maggio 2013 focalizzato sull’area Nord America (Usa/Canada) e il secondo ad ottobre 2013, ha visto protagoniste aziende alimentari da Russia Polonia e Turchia. ILPRA SpA ha partecipato ad entrambi gli eventi. I responsabili ILPRA per le aree in oggetto sono stati invitati ad interagire con gli organizzatori per selezionare aziende ed operatori di settore di interesse. Il 24 ottobre 2013 presso Fiere di Parma sono stati fissati gli appuntamenti per tutta la giornata in cui gli area manager ILPRA hanno potuto illustrare il potenziale dell’azienda e nello stesso tempo accogliere le richieste degli operatori e delegazioni straniere per specifici progetti. Gli incontri hanno avuto esito positivo e ILPRA è attualmente al lavoro per sviluppare soluzioni mirate.

Il gruppo ILPRA continuerà anche in futuro a cogliere tutte le occasioni di B2B promosse da Ucima e Fiere di Parma, tra cui anche la partecipazione come espositore alla manifestazione Cibus Tec/Food Pack in programma ad autunno 2014. ILPRA condivide il pensiero di Antonio Cellie, Amministratore delegato di Fiere di Parma, che sottolinea l’esigenza da parte delle aziende di partecipare ad eventi e manifestazioni espositive sempre più integrate  che si concretizzino nel breve periodo nell’export del brand Made in Italy. 

 

 

LA PASSIONE COMUNE DI TRE GENERAZIONI: OLIVE DI QUALITÀ

La nostra attività ha inizio negli anni sessanta, con la stagionatura e l’essiccazione delle Olive fresche locali secondo le tradizioni popolari.

Da allora, tre generazioni si sono susseguite nella lavorazione delle Olive da tavola e oggi siamo ultra-specializzati nel mondo delle Olive.

Sappiamo di riuscire a distinguerci dai nostri competitor per la qualità e il gusto delle olive, per il modo in cui riusciamo a “vestirle” oltre agli elevati standard qualitativi che regolano le nostre produzioni.

Ad oggi, infatti, siamo certificati  ISO (dal 1999), BRC, IFS (dal 2007) e KOSHER (dal 2008).

Grazie all’esperienza maturata nel corso della nostra storia siamo in grado di offrire le migliori cultivar del mediterraneo.

Le materie prime vengono controllate e selezionate al momento del raccolto garantendo un alto livello qualitativo oltre alla completa tracciabilità dell'intera filiera.

L’innovazione nel packaging è il nostro “must”, negli anni 2000 abbiamo iniziato la nostra collaborazione con ILPRA con l’acquisto di una termoformatrice automatizzata per il confezionamento del paté di olive.

Nel 2008 abbiamo proseguito questa partnership con una veloce dosatrice-termosaldatrice (SABALPACK-ILPRA) dotata di un'estrema flessibilità di confezionamento.

Infatti questa  linea è in grado di disimpilare, dosare e saldare tutti i formati Retail della nostra ampia gamma.

LE OLIVE IN SALAMOIA

Ficacci propone una vasta scelta delle migliori cultivar Italiani e Mediterranei.

Un'ampia fetta di mercato è detenuta dalle olive confezionate in salamoia.

Il frutto, sapientemente selezionato, viene confezionato in vaschette, buste e secchielli di plastica e conservato in acqua e sale.

Le grammature vanno dai 100g fino ai 12kg nelle più svariate soluzioni.

LE OLIVE MARINATE

Le stesse varietà di olive sono la base delle sfiziose ricette che compongono l'assortimento delle olive marinate.

La nostra squadra R&D è sempre alla ricerca di nuove combinazioni e ricette da proporre ai consumatori.

Infatti è proprio mettendo insieme ingredienti di primissima qualità con le nostre olive che siamo riusciti, nel corso degli anni, ad individuare alcune ricette che sono poi diventate il nostro punto di forza in Italia e nel mondo. 

IL BENESSERE DEI NOSTRI ANIMALI COMINCIA DA QUI

Dalle nostre analisi di mercato è emerso che non esisteva un prodotto liquido prebiotico per animali domestici. Pertanto abbiamo pensato che avremmo potuto fare moltissimo per migliorare le condizioni di vita di cani e gatti.

Il nostro team di scienziati residenti negli Stati Uniti ha studiato bene il problema, trovando una soluzione strepitosa dopo due anni di dure ricerche. Il risultato è stata una soluzione prebiotica orale dalle caratteristiche uniche, anche in considerazione del fatto che non vengono aggiunti coloranti e conservanti al prodotto. Grazie a un complesso metodo produttivo artigianale, fatto di pressioni e temperature diverse, si è ottenuta una soluzione prebiotica orale dalle eccezionali caratteristiche.

Una volta creata la Soluzione si doveva procedere con la fase di imbottigliamento molto delicata e precisa in quanto avendo inventato un prodotto inesistente sul mercato si doveva cercare un’azienda all’avanguardia e ben predisposta a realizzare un macchinario adatto all’imbottigliamento e al sigillamento.

Dopo mesi di ricerca abbiamo trovato, quasi per caso, questa strepitosa azienda che, senza molte difficoltà è stata in grado di assemblare una macchina adatta alle nostre esigenze, di altissima precisione. Questa azienda è ILPRA SpA.

Il prodotto finito, bevuto quotidianamente assicura, tramite l’esclusiva formula di INUFOS-3, una digestione ottimale e un assorbimento eccellente dei principi nutritivi, donando un immediato stato di benessere e di vitalità.

Per il suo contenuto in prebiotici, vitamine, amminoacidi ed oligoelementi essenziali, l’utilizzo di Petformance soluzione prebiotica orale può essere utile nelle seguenti situazioni:

-sostegno delle difese naturali e conseguente rafforzamento della resistenza alle aggressioni esterne;

-supporto ai processi digestivi a livello intestinale;

-utile nel trattamento degli stati diarroici;

-utile nel trattamento del dimorfismo intestinale indotto da terapia antibiotica e delle disvitaminosi da essa determinate;

-utile nel ripristino di una fisiologica flora intestinale in seguito ad operazioni del tratto gastroenterico;

-supporto nutrizionale e di mantenimento dei fabbisogni idro-elettrolitici in fase post-operatoria e di recupero;

-reintegrazione dei fluidi, in stati debilitativi, in relazione alla elevata appetibilità;

-mantenimento a livello epidermico della naturale fisiologia cellulare;

-manto sano e pelo lucido.

Da non trascurare è l’incredibile appetibilità della soluzione prebiotica orale, la quale garantisce la completa assimilazione da parte del cane o del gatto. I nostri indici di appetibilità sono certificati tra i migliori al mondo.

LA RICERCA DEL VALORE È LA STRADA GIUSTA PER IL FUTURO

Nata inizialmente come laboratorio di sezionamento avicolo, la Fresh Chicken Company con stabilimento a Walmer Bridge (Preston) e produzione certificata BRC e Red Tractor, sta attualmente rivoluzionando la propria attività anche con il sostegno e collaborazione di ILPRA UK.

"Per l’azienda The Fresh Chicken Company la versatilità e la flessibilità nella produzione sono elementi chiave per il successo futuro e la crescita dell’azienda nel mercato” dice il direttore di stabilimento Mr. Derek Bull.

Dopo la lunga esperienza nella lavorazione del pollame per grossisti e macellai locali, l’azienda ha iniziato ad occuparsi di piatti pronti da cucinare e ristorazione. Le conferme d’ordine, le trattative in atto con alcuni dei principali rivenditori inglesi ed europei e progetti interessanti, ci rendono ottimisti e ci fanno ben sperare per il futuro. Come partner del gruppo PR (Peter Rayton), che comprende anche altre società come Henhouse Wholesale, 3 Sixty Foods, A1 Cold Store e Pizza Plus, Fresh Chicken Company oggi è in grado di produrre oltre 100.000 piatti pronti ogni settimana.

La Direttrice Caroline Craven è orgogliosa dei valori della società, dell’etica di lavoro e dell’alta qualità dei suoi prodotti. "Lavoriamo a stretto contatto con i nostri fornitori per rispettare e superare le aspettative dei nostri clienti. Per migliorare il nostro settore marketing ed aumentare le vendite, The Fresh Chicken Company conta molto su David, nuovo membro del team. Grazie alle competenze e all’esperienza pluriennale nella vendita al dettaglio di David, siamo oggi pronti ad offrire ai nostri clienti una vasta gamma di soluzioni personalizzate e complete di alta qualità a prezzi competitivi”, dice Caroline.

Le innovazioni nel settore produttivo dell’azienda sono state accompagnate da ingenti investimenti economici, tra cui l’acquisto di una macchina termosaldatrice ILPRA per il confezionamento alimentare (anche in atmosfera modificata). “Il modello Foodpack 1402 era quello che faceva al caso nostro. Abbiamo consultato diversi fornitori di macchinari, ma alla fine abbiamo scelto di affidarci ad ILPRA", dice Derek. “L’ottimo rapporto qualità/prezzo, la velocità e la semplicità d’uso sono stati fattori determinanti per la scelta. Dalla data dell'ordine della Foodpack 1402 all’installazione, sono trascorse poche settimane. Senza esagerare posso dire che questa termosaldatrice è fantastica. La consegna è stata tempestiva e dopo poche ore per il collaudo, la macchina era già al lavoro. Con ILPRA attacchi la spina e vai!" ha aggiunto Derek.

FRATELLI OIOLI: GORGONZOLA DAL 1973

Il Caseificio F.lli Oioli, fondato da Giovanni Oioli, è un’azienda a carattere familiare che inizia la propria attività nel 1973 con la produzione e commercializzazione del gorgonzola fresco, portato poi a stagionare presso altre locazioni. Nell’anno 1994 l’azienda costruisce un nuovo e moderno stabilimento utilizzando le migliori tecnologie presenti sul mercato; l’attività viene continuata dai figli Roberto Gabriele e Maurizio che con l’anno 2000 ampliano il complesso con i reparti di stagionatura e confezionamento, così da rendere chiuso ed autonomo l’intero ciclo di produzione.

Il caseificio F.lli Oioli produce formaggio Gorgonzola DOP Dolce di alta qualità oltre ad una piccola produzione di Gorgonzola DOP Piccante. Il mercato italiano è quello maggiormente sviluppato, anche se il prodotto varca i confini esteri quotidianamente grazie alle operazioni commerciali di alcuni clienti.

Le scelte innovative applicate hanno permesso di ottenere un prodotto di elevata qualità impiegando l’alta tecnologia per automatizzare il più possibile il ciclo produttivo e assicurare un livello igienico di produzione sempre molto accurato.

La collaborazione con ILPRA nasce nel 2006. L’azienda Caseificio F.lli Oioli era alla ricerca di una macchina termosaldatrice per automatizzare il confezionamento del proprio prodotto. Le esigenze della direzione erano ben specifiche: serviva una macchina con capacità produttiva medio-alta, semplice da utilizzare, versatile e che consentisse agli operatori di effettuare il cambio formato velocemente con poche mosse. Inizialmente, infatti, la stessa macchina veniva utilizzata per confezionare due differenti formati di gorgonzola: l’ottavino e lo spicchio destinati alla grande distribuzione.

La direzione del Caseificio F.lli Oioli scelse di acquistare il modello ILPRA Foodpack Mec-Drive: una termosaldatrice in linea completamente automatica, completa di disimpilatore per vaschette ed in grado di soddisfare medie e grandi produzioni. Una scelta che fin da subito è stata sinonimo di garanzia e qualità. La Foodpack Mec-Drive è infatti una confezionatrice meccanica che assicura alta precisione di lavoro, cambio formato semplice e rapido e minimi costi di manutenzione.

Nel 2009 la produzione di gorgonzola aumenta e si rende necessario confezionare simultaneamente entrambi i formati di formaggio, per tale scopo il Caseificio F.lli Oioli conferma la propria fiducia ad ILPRA e inserisce nella propria produzione un secondo modello Foodpack Mec-Drive.

L’affidabilità, la praticità di utilizzo e l’ottimo rapporto qualità/prezzo hanno reso nel tempo la macchina Foodpack Mec-Drive uno dei modelli più venduti. La macchina è infatti uno dei primi modelli in linea automatici della gamma Termosaldatrici di ILPRA. Le innovazioni e le caratteristiche tecniche di questa macchina sono poi state estese a tutta la gamma Foodpack.

È importante sottolineare un ulteriore piccolo traguardo raggiunto da Tecnofoodpack, consociata al gruppo ILPRA, che produce film e contenitori per l’imballaggio alimentare a cui Oioli ha commissionato la fornitura di film di termosaldatura per le vaschette. Ciò conferma la capacità del Gruppo ILPRA di affiancare il cliente non solo nella scelta del macchinario, ma anche per l’acquisto di componenti aggiuntivi e dei materiali.

PROGETTO FAMIGLIA - LAVORO

L'enciclica “Caritas in Veritate” (S.S.Benedetto XVI, 2009) ha trattato esplicitamente la Responsabilità Sociale dell'Impresa (RSI) affermando che essa riguarda non solo il fare profitto, ma anche e soprattutto la valorizzazione dei dipendenti, la risorsa più preziosa dell'azienda. Inoltre, ha preso in considerazione i rapporti fra l'impresa e le comunità locali, le istituzioni, i clienti, i fornitori e tutti gli altri soggetti che si relazionano abitualmente con l'impresa.

Il Gruppo ILPRA ha voluto superare la definizione di RSI proiettandosi verso una Responsabilità Imprenditoriale nei confronti della Famiglia. E per Famiglia si sono intesi i nuclei familiari dei dipendenti del Gruppo. 

Ma procediamo con ordine.

Verificato, in primis, che oggigiorno il lavoro di entrambi i coniugi è la situazione consueta, il Gruppo ILPRA si è posto il problema su come aiutare la coppia a conciliare la vita lavorativa con quella familiare. Tutto ciò tenuto conto che "il benessere della famiglia è il benessere dell'azienda e il benessere dell'azienda è il benessere della famiglia”.

La concretizzazione di quanto esposto è avvenuta mediante alcune innovazioni operate nell'organizzazione del lavoro a sostegno delle esigenze delle famiglie dei lavoratori.

Riconosciuto il dipendente come persona, lo stesso viene valorizzato non solo dal punto di vista economico, applicando cioè i corretti ed adeguati contratti di lavoro, ma anche e soprattutto condividendone gli obiettivi. Un primo risultato si è ottenuto adottando un'ampia flessibilità degli orari di lavoro. I dipendenti del Gruppo ILPRA possono scegliere fra diverse fasce orarie per una migliore conciliazione dei tempi Lavoro-Famiglia.

Si sono poi attuate alcune politiche di lavoro per le madri. A tutte le dipendenti, al rientro dalla maternità, è sempre stato concesso di effettuare un orario di lavoro adeguato alle personali necessità familiari. Nell'ottica di favorire la maternità, il Gruppo ILPRA non ha mai penalizzato le dipendenti in gravidanza. Al contrario, i figli dei dipendenti sono  considerati una futura risorsa per l'azienda. I figli vengono accolti come un accrescimento di quella grande famiglia che è il Gruppo ILPRA.

La richiesta del part-time, avanzata al rientro dalla maternità, è stata approvata dal management e concessa senza ostacoli.

Politiche di lavoro per tutti:

- i permessi ex legge 104/92 vengono usufruiti da alcuni lavoratori senza penalizzazione degli stessi che continuano, proficuamente, a svolgere le proprie mansioni originali,

- le aggregazioni fra i dipendenti vengono favorite: un paio di squadre ludico/sportive partecipano a diversi tornei aziendali ritrovandosi, periodicamente, per partecipare agli allenamenti;

- tutti i dipendenti del Gruppo ILPRA usufruiscono di condizioni particolari in diverse strutture (palestre, piscine, centri benessere, ristoranti, etc).

Per concludere, occorre che le imprese rinnovino i loro modelli organizzativi introducendo nuove pratiche di organizzazione del lavoro, nuovi modelli di cultura partecipativa, nuove modalità e contenuti formativi, nuove politiche di sviluppo delle risorse umane: questa è la Responsabilità Sociale.

Occorre coinvolgere e valorizzare le risorse umane presenti in azienda con un dialogo trasparente e sincero per identificare i bisogni delle persone, ricercare ed adottare nuovi modelli organizzativi e gestionali nel quadro di quelli più sopra esposti.

Il tema della conciliazione fra Famiglia e Lavoro, se inquadrato in questa prospettiva, diviene un elemento di innovazione del sistema produttivo e del tessuto sociale con grande ricaduta positiva sui risultati aziendali.

Ed investendo sulle persone, il Gruppo ILPRA questo risultato lo ha ottenuto.

IPACK-IMA: DENTRO L'INNOVAZIONE

Ipack-Ima, fiera internazionale per le tecnologie di processo e confezionamento, si svolgerà dal 19 al 23 maggio 2015 a Fieramilano (Milano). 

La mostra offre una visione completa e di valore di tutta la supply chain per il food e non food, infatti è la fiera di riferimento mondiale per l’industria del Grain Based Food e la una delle più importanti in ambito health & personal care, chimica e beni industriali.

La mostra è l’innovativo punto d’incontro per il settore alimentare del “fresco”, uno dei segmenti più dinamici per l’industria alimentare e per la distribuzione che va incontro a nuovi modelli di consumo. Dal “fresco” dipendono nuovi packaging e nuove tecnologie che trovano il filo conduttore ideale in Ipack-Ima, la quale sarà affiancata su questo versante da nuove manifestazioni dedicate:

Meat-Tech, fiera specializzata in tecnologie e soluzioni per l’industria delle carni;

Dairytech, nuova manifestazione per le tecnologie di processo e di confezionamento per l’industria lattiero-casearia;

Fruit Innovation, fiera organizzata da Fieramilano e Ipack-Ima Spa, rivolta all’innovazione di prodotto, tecnologie e servizi per la filiera ortofrutticola. 

L’opportunità offerta dalla prossima Ipack-Ima sarà potenziata dallo svolgimento in contemporanea di Converflex (converting, package printing and labelling) e Intralogistica Italia (in collaborazione con Deutsche Messe). La concentrazione di queste tre fiere rappresenta un unicum per la completezza espositiva dei settori interconnessi. 

Un esclusivo insieme integrato e sinergico di tecnologie e innovazioni che si adatta perfettamente a EXPO Milano 2015 - il cui tema “Feeding the Planet - Energy for Life” è in perfetta sinergia con Ipack-Ima. 

Di questa particolare sinergia beneficerà Ilpra che partecipa già da molte edizioni a questa manifestazione, sempre con stand di particolare rilevanza, confermando l’esigenza di prendere parte a manifestazioni sempre più integrate. Ilpra condivide con Ipack-Ima anche temi e progetti quali l’innovazione tecnologica e la sostenibilità, a dimostrazione del rapporto sempre più intenso e importante tra retailer e industria del packaging. 

“Food Processing & Packaging Innovation for a Sustainable Development” è il tema centrale di Ipack-Ima 2015 e dei suoi eventi collaterali, in  armonia con Ilpra che da tempo si impegna a offrire prodotti sempre più sostenibili.

Ilpra America: un'avventura nel mondo del packaging

Durante gli ultimi 12 mesi il sostanziale aumento delle vendite ha rappresentato una grande vittoria per Ilpra America, portando la società su di un altro livello.

Le vendite stimate sono state ampiamente superate, mostrando, dal nostro inizio nel 2011, che il mercato si sta ingrandendo e che la produzione alimentare in America sta diventando sempre più forte. Grazie al rapporto paritario e trasparente che è stato stabilito, Ilpra America è orgogliosa di annunciare che gli impegni presi con il marchio e la casa madre verranno mantenuti per gli anni a venire.

La parola d’ordine è “Espansione”.

In aggiunta alla nostra sede in Chalfont (PA), abbiamo deciso di collaborare con un nuovo partner che coprirà la West Coast, consentendo di gestire le vendite e il supporto per l'intera regione occidentale degli Stati Uniti. Il prossimo passo sarà includere un nuovo ufficio in Florida settentrionale che si occuperà di sostenere e servire tutte le nuove imprese nate di recente.

Oltre alle numerose vendite e ad un’espansione molto rapida, per dimostrare la forza del marchio Ilpra America è sempre a caccia di nuove opportunità e partnership. 

Venite a trovarci in fiera a:

IDDBA - Centro congressi di Atlanta (7-9 giugno 2015)

Process Expo - McCormick Place di Chicago (15-18 settembre 2015)

IPPE Expo - Centro congressi di Atlanta (26-28 gennaio 2016)

Non vediamo l'ora di incontrarvi là!

A nome di Ilpra America e Roberts Technology Group, vi ringraziamo e speriamo di collaborare con voi nella prossima avventura nel mondo del confezionamento!

Il cuore dell' economia

Ormai sentire parlare della difficoltà economica italiana e mondiale, delle imprese che faticano a tirare avanti e di questa crisi che sembra essere insuperabile, è la quotidianità. E allora sarebbe da chiedersi: dobbiamo forse arrenderci, chiudere le attività e abbandonare il nostro Bel Paese? Che cosa si è inceppato nel cuore di questo grande sistema? La mia famiglia produce pasta all’uovo da sempre: due generazioni fa iniziarono i miei nonni con un negozio nella periferia di Roma che poi passarono a mio padre e che ora ho ereditato io. Quando nel 2009 abbiamo rilevato il brand “Oasi del Tortellino” le difficoltà erano molte e la profonda crisi ci ha fatto imbattere in cocenti sconfitte. Ma, grazie a un fidato e solido team, abbiamo tenuto duro e insistito con dedizione focalizzandoci sulla qualità del nostro prodotto e sulla soddisfazione del cliente, cercando così di superare un periodo tutt’altro che florido.

Ora che il peggio è passato, la Nuova Oasi del Tortellino si sta ritagliando anno dopo anno una fetta sempre più grossa di mercato, diventando una realtà affermata non solo nel Lazio, ma in tutto il territorio nazionale.

L’azienda si occupa della produzione di tutti i tipi di pasta all’uovo, sia “liscia” sia “ripiena”, oltre a una vasta gamma di alimenti gastronomici pronti per essere infornati o semplicemente da riscaldare. I nostri prodotti sono confezionati con una termosaldatrice ILPRA che ci permette di impacchettare e conservare gli alimenti in vaschette in atmosfera modificata al fine di garantire loro una qualità durevole dal punto di vista organolettico e microbiologico. L’impegno costante, il duro lavoro e la collaborazione con importanti partner commerciali come ILPRA, ci hanno permesso di scorgere uno spiraglio di luce in un periodo economico storicamente fra i più bui. Ripensando alle domande che ci siamo posti all’inizio: esistono soluzioni per far tornare a battere il grande cuore dell’economia? Di certo è fondamentale rendersi conto che il motore dell’economia sono le persone e l’amore che queste mettono nel proprio lavoro.

ICE - AGENZIA

 

Intervista a Matteo Masini dell’Ufficio Meccanica, Chimica, Energia, Ambiente di ICE-Agenzia.

 

• Di cosa si occupa l’istituto ICE?

L'ICE-Agenzia prosegue dal 2013 l'attività svolta per 85 anni dall'Istituto nazionale per il Commercio Estero, cioè ha il compito di agevolare, sviluppare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l'estero e di favorire l'internazionalizzazione del nostro sistema industriale, ponendo particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese.

 

• In che modo ICE supporta le Aziende che operano all’estero?

Attraverso la sede di Roma, l'Ufficio di Milano e la rete di 65 uffici nel mondo, ICE-Agenzia svolge attività di informazione, consulenza, assistenza e promozione a favore di imprese e istituzioni, di formazione a beneficio di imprese e giovani laureati, di promozione della cooperazione nei settori industriale, agricolo e agro-alimentare, della distribuzione e del terziario.

Fra le attività svolte all'estero ricordiamo ad esempio l'organizzazione di "Padiglioni italiani" presso le maggiori fiere settoriali internazionali, di missioni imprenditoriali e di seminari tecnologici; beneficiando di un abbattimento dei costi e di una semplificazione delle procedure organizzative, le aziende italiane che partecipano a queste iniziative possono concentrarsi maggiormente sull'approccio commerciale e sui rapporti con i rispettivi partner.

Oltre a quelli sopra elencati, a seconda delle aziende e dei settori, ICE-Agenzia si occupa anche di molte altre tipologie di intervento. Per maggiori informazioni vi rimandiamo alla sezione dedicata sul nostro portale www.ice.gov.it. 

 

• Come organizzate ricerche di settore, analisi statistiche e rapporti sull’andamento di mercati specifici? E come possono essere consultabili?

Lo studio e le analisi dei vari mercati sono realizzate in via istituzionale dai nostri Uffici, a partire dal Rapporto annuale sulla posizione dell'Italia nell'economia internazionale, ovvero su specifiche commesse relative a settori industriali determinati. Le pubblicazioni e le tabelle statistiche sono sempre accessibili tramite il nostro sito www.ice.gov.it che contiene una sezione dedicata nella quale è possibile sia consultare prodotti già pronti, sia creare tabelle personalizzate sui parametri d'interesse dell'utente.

 

• In base ai vostri studi, quali sono i trend del momento e quale sarà il futuro del packaging alimentare? Quali sono i paesi emergenti nel settore del confezionamento?

L'industria italiana delle macchine per imballaggio e confezionamento ha registrato nell'ultimo anno risultati decisamente interessanti, in controtendenza rispetto a una situazione economica generale tutt'altro che positiva. Il rapporto annuale dell'associazione dei Costruttori Italiani di Macchine per il Confezionamento UCIMA, con la quale collaboriamo strettamente nell'attività di promozione del settore, indica una crescita del fatturato 2013 di ben 6,8% rispetto all'anno precedente nel settore food e del 10,6% nel settore delle bevande, con una quota settoriale globale d'esportazione superiore all'83%.

I mercati di maggior interesse sono certamente quelli che tradizionalmente assorbono le quote più ampie del nostro export, in primo luogo Stati Uniti, Francia, Cina e Germania. Occorre tuttavia dedicare particolare attenzione ai mercati emergenti dell'Africa subsahariana ed a quei mercati già noti, ma dai quali ci si attende un rafforzamento della domanda in conseguenza di politiche di supporto alla produzione agroalimentare nazionale, come ad esempio la Russia.

 

• Quali sono i vostri progetti istituzionali per il prossimo futuro? 

Il rinnovamento della struttura dovuto al passaggio di testimone fra l'Istituto nazionale per il Commercio Estero e la nuova Agenzia ICE è tuttora in corso e si svilupperà ulteriormente nei prossimi anni. Stiamo procedendo a ristrutturare la nostra rete di Uffici all'estero, operativi presso le rappresentanze diplomatiche italiane in oltre 50 Paesi del mondo. Un’altra iniziativa sarà il rafforzamento della presenza in Africa Subsahariana con la prossima apertura, entro l'anno, degli Uffici di Luanda (Angola) e Addis Abeba (Etiopia), che segue la recente apertura dell' ufficio a Maputo (Mozambico).

 

• Collaborazione ICE-ILPRA: com’è nata? Come continuerà?

Quest’anno ILPRA è stata fra le aziende presenti nel Padiglione italiano che abbiamo organizzato presso la fiera Propak China di Shanghai, dove abbiamo potuto fare una valutazione generale delle possibili sinergie fra le politiche di internazionalizzazione dell'azienda ed i nostri servizi, in particolare su quei mercati nei quali ILPRA prevede di poter accrescere o consolidare la propria presenza nei prossimi anni, in special modo quelli asiatici. Le prospettive sono molto interessanti, sicuramente non mancheranno altre occasioni per la partecipazione ad altri eventi, quanto per la predisposizione di servizi sempre più personalizzati.

 

TRADIZIONI PADANE

Tradizioni Padane Srl è una ditta artigianale situata in Gottolengo (provincia di Brescia, nord Italia) che da più di un quarto di secolo opera con impegno e passione nel settore della produzione di pasta fresca ripiena e liscia, di altissima qualità  interamente fatta a mano, per offrire ai palati moderni il sapore antico dei prodotti della nostra tradizione gastronomica.

Da Tradizioni Padane tutto è seguito con amore e passione: dalla pasta, sapientemente dosata e stesa, alla preparazione dei deliziosi ripieni, seguiti e curati meticolosamente, alla chiusura a mano di ogni singolo tortello. 

Nati nel 1991, in un mercato in cui ancora non era diffusa la cultura ed il valore della pasta fatta a mano, siamo riusciti a emergere sfruttando al massimo le nostre potenzialità fino ad espandere l’attività oltre i confini nazionali ed europei.

Per soddisfare qualsiasi gusto ed esigenza, la qualità deve essere il valore assoluto. Selezioniamo accuratamente le migliori materie prime, accertandone scrupolosamente provenienza e rintracciabilità. L’elevata qualità di ogni nostro prodotto e la sicurezza del processo produttivo sono ulteriormente garantiti dai riconoscimenti CEE, dalla certificazione BRC e dal recente conferimento della DECO (Denominazione Comunale di Origine) assegnataci dal comune di Gottolengo.

All’artigianalità dei nostri prodotti abbiamo affiancato l’innovazione e l’automazione delle nostre linee di confezionamento, frutto della cura con cui scegliamo, oltre alle nostre materie prime, anche i nostri partners.

Un grande supporto ci è stato dato dal gruppo Ilpra che, oltre a consigliarci e fornirci le macchine termosaldatrici che utilizziamo giornalmente per confezionare la nostra pasta fresca, ci ha aiutato a scegliere la giusta combinazione di materiali ed estetica delle nostre vaschette e dei nostri film.

Tradizioni Padane ha come obiettivo la riappropriazione delle antiche tradizioni (da qui la denominazione della società) per quanto concerne la lavorazione della pasta, e come desiderio, quello di offrire ad ogni palato, anche al più raffinato, il sapore inconfondibile della cucina tradizionale padana.

ILPRA GUARDA A ORIENTE

ILPRA Hong Kong nasce nel 2012 grazie alla collaborazione con Mr. Edwin Chan, rappresentante pluriennale del marchio ILPRA in Asia. Il Sig. Chan, nativo di Hong Kong e di madrelingua cinese, è stato di fondamentale importanza nel processo d’inserimento nel mercato orientale in quanto, per lavorare e stabilire rapporti in questi territori, bisogna conoscere gli usi e costumi, le tradizioni e le leggi che li contraddistinguono.

La scelta di aprire una filiale in questo continente nasce da un’analisi di mercato e da valutazioni strategiche ben precise. Una sede distaccata a Hong Kong, infatti, ci permette di controllare i costi di gestione dei clienti in zona nonché avere un rapporto diretto con gli stessi: la nostra presenza diventa così un punto di riferimento sul luogo.

Dagli uffici di Hong Kong arrivano anche informazioni sull’andamento del mercato così come della concorrenza, questo fa sì che i dati siano monitorati con più facilità e immediatezza.

Grazie alle numerose varianti analizzate in loco, riusciamo a offrire prodotti mirati e studiati ad hoc per questo specifico mercato. Uno dei nostri obiettivi è essere presenti sul mercato globale offrendo soluzioni e visioni customizzate realizzate seguendo le esigenze del singolo cliente. 

Ad oggi il programma di sviluppo di ILPRA HK prevede la partecipazione a numerose fiere di settore, campagne realizzate per promuovere macchinari selezionati e segmentati per aria geografica e la realizzazione di una rete commerciale autoctona che ci consenta di espandere sempre di più la nostra presenza in Asia, già viva in Thailandia, Singapore, Malesia, Indonesia, Giappone, Corea e Cina.

Per il prossimo futuro prevediamo di avere un servizio di assistenza tecnica direttamente sul posto in modo da poterlo affiancare ai servizi già esistenti.

Espandersi è fondamentale, ma per farlo bisogna studiare e analizzare il mercato di riferimento. Per ILPRA è di primaria importanza conoscere le radici culturali, le abitudini e le usanze del mercato orientale, così come di ogni cliente con cui collabora; questa è la chiave che rende il clima di lavoro positivo, produttivo e basato sul rispetto reciproco. •  

 
 

ILPRA: 60 ANNI DI ESPERIENZA

ILPRA nasce nel 1955 e, lo stesso anno, progetta e costruisce la prima termosaldatrice italiana. Nel 1970 decide di specializzarsi nel settore della termosaldatura, ricoprendo fin da subito un ruolo di primaria importanza nel mercato del confezionamento alimentare, cosmetico e medicale. Nel 1988 l’azienda allarga la sua attenzione verso i mercati europei e internazionali fino ad arrivare a vendere ad oggi più di 15.000 macchine in 130 paesi nel mondo. Data la continua crescita, nel 1992 nasce il Gruppo ILPRA finalizzato allo sviluppo di nuove tecnologie nell’ambito del packaging.

Il 2015 è un anno importante per l’azienda, ILPRA compie 60 anni, la filiale inglese 25 e quella spagnola 20. ILPRA non significa solo macchine per il confezionamento, ma 60 anni di competenze al servizio dei propri clienti. 

L’eccellenza nasce dall’esperienza decennale, dalla continua evoluzione, dall’attenzione alle esigenze reali del cliente. Esperienza ed evoluzione sono quindi le due strade principali che portano alla crescita e all’innovazione e sono quelle che noi stiamo percorrendo. ILPRA guarda al futuro e, per essere sempre aggiornata, è in costante ascolto delle richieste del mercato e ne accoglie suggerimenti e critiche trasformandoli nel motore per il lancio di nuove soluzioni; lo dimostrano le numerose innovazioni a marchio ILPRA introdotte con il passare degli anni, lo studio di nuovi sistemi di confezionamento, l'applicazione di nuovi materiali speciali per il packaging e l'implementazione delle tecnologie esistenti per migliorare continuamente l'efficienza delle proprie linee.

Le nostre confezionatrici sono tecnologicamente avanzate e sono pensate per garantire un rendimento duraturo, per questo abbiamo posto al servizio della nostra clientela un team di esperti in grado di fornire un’assistenza professionale, rapida ed efficiente. Essere un gruppo solido per noi è importante, infatti il lavoro di squadra è fondamentale per ottenere i risultati che ci prefissiamo.

ILPRA si pone l’obiettivo di far diventare l’azienda una seconda casa: la responsabilità sociale dell’impresa non è solo il fare profitto, ma anche e soprattutto la valorizzazione dei dipendenti, la risorsa più preziosa dell’azienda.

Noi siamo una famiglia con un grande compito, quello di garantire che i prodotti confezionati con i nostri macchinari arrivino ogni giorno sulle vostre tavole con standard di conservazione eccellenti. Noi siamo la famiglia che sta dalla parte delle famiglie.

Avendo questa consapevolezza, fin dalla sua fondazione, ILPRA ha seguito valori imprescindibili che caratterizzano tutta la sua produzione. Il nostro impegno è fornire ai nostri clienti macchine di alto livello, per questo eseguiamo controlli rigorosi sulla qualità, ponendoci anche l’obiettivo di unire la tecnologia al rispetto ambientale, garantendo sempre le migliori prestazioni. Quello che consumiamo e consumate a tavola è quindi l’unione armoniosa di tecnologia avanzata e rispetto per l’ambiente, una catena in cui la sicurezza e la qualità sono caratteristiche dominanti che pretendiamo da noi stessi e dai nostri collaboratori.

I nostri principi ci portano ad andare incontro alle esigenze del cliente che acquista i macchinari ILPRA, senza mai accantonare le necessità del consumare finale. Gli anni sono passati, ma i valori sono rimasti gli stessi.

Lavoriamo seguendo con convinzione un’idea semplice, ma fondamentale: “dire quello che fai, fare quello che dici”.

La trasparenza nei rapporti è la chiave vincente per spiegare il successo di ILPRA.

Grazie a un’evoluzione costante dell’azienda si sono raggiunti metodi produttivi più efficienti e questo, unito alla voglia di festeggiare 60 anni di attività e all’idea che il cliente viene sempre per primo, ci ha spinti ad andare incontro alle necessità dei nostri acquirenti, applicando un prezzo speciale ai nostri prodotti. Per noi il 2015 sarà un anno di novità e festeggiamenti. 

Qualità, sicurezza, produttività, funzionalità, attenzione al cliente e al consumatore: ecco la sintesi di una storia d’eccellenza che dura da 60 anni.

 

 

LA SICUREZZA ALIMENTARE

Il tema della sicurezza alimentare sta progressivamente ampliando i suoi confini, interessando sempre più da vicino non solo i produttori di alimenti ed i consumatori che dovranno fruirli, ma anche le aziende fornitrici di macchinari, materiali e componenti.

Lo studio dei materiali utilizzati nel settore alimentare è in continua evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico-industriale, sia dal punto di vista di tutela igienico-sanitaria nei confronti del consumatore. 

Per sottolineare l’importanza di questo tema, al centro della Giornata Mondiale della Salute, il prossimo 7 aprile, vi sarà appunto la sicurezza alimentare, scelta fatta per stimolare i governi a mettere in atto misure in grado di migliorare la sicurezza degli alimenti lungo tutta la catena alimentare, dalla produzione al consumo, e di trovare risposte sostenibili ai problemi di fondo, come la frammentazione delle autorità per la sicurezza alimentare e la carenza di prove convincenti sugli effetti di malattie di origine alimentare.

Nel mercato dei prodotti alimentari la sicurezza e la salute del cliente devono essere valori assoluti e imprescindibili; per dare queste sicurezze, Ilpra ha sviluppato la sua produzione internamente e quindi totalmente “Made in Italy”, marchio simbolo soprattutto di affidabilità. Inoltre grande importanza è data anche alla sostenibilità, impegnandosi ad offrire prodotti che riducano al minimo sprechi e inquinamento.

Chi si occupa di valutare la sicurezza dei materiali a contatto con i prodotti alimentari, gli enzimi, gli aromatizzanti e i coadiuvanti tecnologici è il gruppo di esperti scientifici facenti parte del Panel CEF dell'EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare).

Questo team nasce dall’esigenza che la sicurezza e la salubrità di ciò che mangiamo non possa soffermarsi al controllo del solo cibo, ma debba essere estesa a tutto ciò che viene a contatto con gli alimenti durante la fase di produzione, imballaggio, trasporto, immagazzinamento e consumo.

La sicurezza dei materiali utilizzati dipende dal fatto che durante il contatto con l’alimento non vi sia alcuna migrazione di sostanze pericolose dal materiale al cibo stesso. Tutti i materiali, se non idonei, possono cedere ai prodotti sostanze indesiderate e in alcuni casi i composti ceduti possono alterarne la qualità, il gusto e/o la sicurezza. Per questo motivo solo alcuni tipi di materiali, dopo avere superato dei test che ne assicurino la sicurezza, sono ammessi nel settore alimentare.

Per proteggere il consumatore venne sviluppato il regolamento (CE) n. 1935/2004 (norma quadro) che stabilisce i requisiti generali cui devono rispondere tutti i materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti. In particolare stabilisce che l’intero processo deve essere conforme alle buone pratiche di fabbricazione (Good Manufacturing Pratices – GMP) e, in condizioni d’impiego normale o prevedibile, non devono trasferire agli alimenti (limite di migrazione) componenti in quantità tale da:

- costituire un pericolo per la salute umana

- comportare una modifica inaccettabile della composizione del prodotto

- comportare un deterioramento delle caratteristiche organolettiche

Nonostante i tanti controlli, nel 2013 sono state addirittura 3.400 le violazioni delle norme sulla sicurezza alimentare, riguardanti i prodotti esportati da 117 paesi. È quanto riporta una ricerca condotta dalla compagnia Food Sentry, sulla base di dati governativi e analisi di laboratorio. I paesi in cui è stato accertato il maggior numero di violazioni sono: India con 380, Cina con 340, Messico con 260 seguiti da Francia con 190 e Stati Uniti con 180.

I casi di violazioni più frequenti riguardano la presenza illegale o eccessiva di pesticidi (più di 135), ma anche contaminazioni da agenti patogeni (22%), scarsa igiene e condizioni insalubri (15,7%), eccessiva contaminazione da micotossine (10,2%), contaminazioni oltre i limiti o illegale da additivi chimici (4,5%), eccessiva presenza di metalli tossici (3,4%) o di antibiotici (2,2%).

Il 23,5% delle violazioni ha riguardato i frutti di mare, il 20% la verdura, il 13,8% la frutta, l’8,9% erbe e spezie, il 7,5% latticini, il 7,1% cereali, il 7% carne e il 6,5% noci e semi.

Sono dati che fanno pensare e dovrebbero portarci a esigere sempre e comunque la sicurezza di ciò che consumiamo.

PROGETTO PESCE +

Coldiretti, in questi ultimi anni, ha promosso il progetto “Programma Nazionale Triennale della Pesca e dell’Acquacultura 2013/2015 progetto Pesce+”, iniziativa che permette ai pescherecci di confezionare il pesce subito dopo averlo pescato e quindi prima di rientrare in porto.

Al fine di studiare e fornire ai pescatori e acquacultori italiani un supporto tecnologico mirato ed efficiente, Coldiretti ha deciso di collaborare con Ilpra per quanto riguarda il confezionamento, e con Movinox per quanto concerne la lavorazione del pesce.

Durante le prove effettuate direttamente sui pescherecci e le giornate di dimostrazione nei principali porti italiani, sono stati lavorati pesci freschi che, se venduti “grezzi”, non avrebbero avuto mercato, mentre, grazie alla tecnologia utilizzata, sono stati trasformati in filetti e tritato, confezionati in modo igienico e invitante e così pronti a raggiungere direttamente il consumatore, aumentandone la conservazione, accorciando la filiera e aumentando gli incassi per i pescatori.

L’obiettivo del progetto è di aiutare le imprese ittiche italiane a diventare più competitive dando loro gli strumenti e il know-how adatti per offrire prodotti migliori al fine di aumentarne i guadagni e i margini di mercato, in quanto i 2/3 dei prodotti ittici vengono importati da altri paesi. Inoltre il punto di forza di determinate categorie di pesce importato è quello di essere lavorato e pronto per la cottura, caratteristiche che oggi non sono presenti nella controparte nostrana, ma che possono essere recuperate tramite questo progetto.

Operativamente sono stati attrezzati i pescherecci con macchinari Movinox che han permesso di eseguire le operazioni di squadratura, evisceratura, filettatura e tritatura. Poi, grazie alla termosaldatrice semi-automatica Ilpra Foodpack Energy, il pesce è stato confezionato in atmosfera protettiva per aumentarne la shelf-life e l’appetibilità.

Questo processo riduce notevolmente il quantitativo di pesce scartato, in quanto permette di vendere anche il pesce povero che altrimenti non sarebbe stato considerato, e il quantitativo di pesce invenduto, in quanto il prodotto arriva prima e direttamente al consumatore. 

Oltre ad aumentare i margini di guadagno, sicuramente questo metodo alternativo permette la reale applicazione della filiera corta a km 0 ed è in grado di aumentare la competività di un settore molto importante per l’economia italiana come quello ittico.

La valorizzazione del pescato italiano è un obiettivo da conseguire in quanto molto recepito dal consumatore che preferisce investire su prodotti locali piuttosto che su quelli importati.

EXPO 2015

Ilpra, che quest'anno festeggia i 60 anni dalla sua costituzione, ha sempre basato la sua attività su quei valori imprescindibili che saranno il fondamento di Expo 2015. Evento che assumerà due valenze fondanti:

- rappresenterà un'occasione unica per il rilancio dell'immagine dell'Italia e delle sue aziende nel mondo;

- fornirà uno e mille motivi di riflessione sui principi  che si legano alla nutrizione del pianeta.

Nei sei mesi di durata dell'Esposizione Universale, sono previsti ventiquattro milioni di visitatori da tutto il mondo e oltre duemila eventi. I Paesi presenti saranno circa centocinquanta, i padiglioni dedicati ai prodotti agricoli, oltre a quelli tematici, saranno sessanta. Presenzieranno anche organismi internazionali, tra i quali l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e l'Unione Europea (UE). Il tema è l'agricoltura, l'agroindustria e la grande sfida per assicurare il cibo a tutti gli abitanti della terra. Per le aziende italiane, e soprattutto lombarde, si presenteranno grandi possibilità  attraverso molteplici incontri con rappresentanti di Paesi stranieri già sin d'ora in calendario: non lasciamoci sfuggire l'occasione!

La Regione Lombardia si presenterà come una evenienza imperdibile per gli investitori stranieri. «La Regione si farà promotrice del “B2B”, il Business to Business: incontri fra rappresentanti di Paesi che vengono qui e le nostre imprese. Vogliamo creare occasioni di confronto e dialogo per rivolgerci ai Paesi che hanno bisogno di imparare da noi e ai Paesi che hanno risorse da investire in Lombardia». Queste le parole del Governatore della Lombardia.

Purtroppo, le aziende del nostro territorio, nonostante gli indicatori finanziari a livello europeo e mondiale facciano intravedere dei timidi segnali di ripresa, risentono ancora in pieno della crisi globale ed è per questo che occorrerà impegnarsi, ricercare e poi mantenere i contatti anche e soprattutto con i Paesi diversi dal nostro. Poiché il futuro sarà l'internazionalizzazione della propria attività, non sprechiamo questa occasione.

Ilpra, ormai da anni, si è collocata sul mercato internazionale, sia affrontando il mercato estero attraverso i propri collaboratori interni, sia creando delle proprie filiali all' estero che hanno permesso di assestare le vendite per il 30% sul mercato nazionale e il 70% su quello estero. E, anche in funzione dell’Esposizione Universale, gli obiettivi del 2015 saranno ancora più ambiziosi. Ma Expo 2015 non rappresenterà solo la valorizzazione delle aziende in termini di immagine e di vantaggio economico. Sarà importante discutere e riflettere sul tema dell'alimentazione, la qualità della vita dell'uomo e la responsabilità ambientale come condizioni entro cui collocare il drammatico tema della sopravvivenza dell'umanità nel prossimo futuro.

Il cibo è anche espressione dei gusti di ciascuno e riguarda miliardi di persone in un pianeta che non ha caratteristiche ambientali e culturali omogenee. Per alcuni Paesi in cui, purtroppo, si muore ancora di fame, l’attività principale diventa il procacciarsi il cibo. Per altri, è un'attività importante ma ritenuta secondaria, perché comunque sicura. In questi Paesi del benessere, il cibo diventa sinonimo di qualità di vita, di gusto, di ricerca sociale e culturale. La tecnologia, la scienza e la globalizzazione hanno introdotto un aspetto importante e nuovo nella ricerca del cibo, quello della sostenibilità ambientale e quello della politica e dell'economia planetaria, introducendo evidenti aspetti sanitari, commerciali e legali. Il tema dell'Expo è centrato appunto su queste caratteristiche nuove, l'umanità è caricata di responsabilità sociali, sanitarie, ambientali, estetiche e politiche.

Davanti a questo scenario, Ilpra si sta ponendo in un atteggiamento di studio e di condivisione attraverso comportamenti responsabili e creativi. Il rispetto per il cibo e una corretta alimentazione devono diventare valori fondamentali e una priorità per tutti, soprattutto per i giovani. Una adeguata alimentazione passa anche attraverso una valida preparazione e conservazione dei prodotti alimentari. È qui che si colloca il Gruppo Ilpra. La sicurezza alimentare diventa per Ilpra la base della sua produzione e la sfida per Expo 2015.

 
 
  • Foodpack 1440

    FP 1440

    Foodpack

  • FP SPEEDY

    Foodpack

  • FP ROTOBASIC

     M7

    Foodpack
     

  • FP 400

    FS 2000

    Fill Seal
     

  • FP SPEEDY

    FS 3L

    Fill Seal
     

  • FS 20000

    Fs 5000

    Fill Seal

  • Formpack F0

    F0

    Formpack

  • Formpack F3

    F3

    Formpack
     

  • F4/F5

    F4/F5

    Formpack

ILPRA S.p.a - Galleria Buenos Aires, 13 20124 Milano ITALY - P.I.01054200157 - Cap. Soc. € 7.000.000 i.v. - R.I. Milano n° 93285 - n° REA 466339 - Copyright © 2013 Wayweb srl

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo